Pagina principale > Comunicati/prese di posizione > Dobro došla, Hrvatska!

Dobro došla, Hrvatska!

, di Gioventù Federalista Europea

Tutte le versioni di questo articolo: [français] [italiano]

Parole chiave

In occasione dell’ingresso della Croazia, i Giovani Federalisti Europei tedeschi, francesi e italiani salutano il Paese, le sue cittadine e i suoi cittadini e danno loro il benvenuto all’interno dell’Unione europea!

Dopo la Slovenia, la Croazia è il secondo Paese dell’Ex-Jugoslavia a fare il suo ingresso nell’Unione europea. «Per i Balcani occidentali, la cui storia, permeata di conflitti, è sempre stata al centro della storia europea, questo ingresso può significare un ulteriore passo verso il benessere e la stabilità - anche per noi dell’Europa centrale», dichiara Daniel Matteo, Presidente della JEF-Germania.

La Croazia si fa carico ora, in quanto membro dell’Unione europea, anche di responsabilità riguardanti lo sviluppo futuro del benessere all’interno dei Balcani nonché della costruzione di rapporti amichevoli non solo tra gli Stati limitrofi, ma anche e soprattutto tra le popolazioni facenti parti di diversi gruppi etnici e religiosi.

«L’adesione della Croazia è naturalmente un passo molto importante per tutta la regione», aggiunge Aurélien Caron, Presidente dei Giovani Europei – Francia. «Non bisogna tuttavia dimenticare che un allargamento sempre più importante dell’Unione europea non può essere efficace senza un approfondimento dell’integrazione politica. Un’unione europea sempre più grande non può costruirsi senza dotarsi di legittimità democratica e mettere in piedi un autentico governo economico. Senza queste riforme per la messa in piedi di un’Europa federale la popolazione croata rischia di essere rapidamente delusa, mentre l’Unione europea diventerà ancora più difficile da governare.»

«Nel corso della più grande crisi della storia del processo d’integrazione, l’adesione della Croazia è una buona notizia per l’Europa perché dimostra che l’unificazione europea resta ancora un modello e un obiettivo in cui credere e per cui lavorare» ricorda Luca Lionello, Presidente della Gioventù Federalista Europea. «L’allargamento dei confini europei necessita ora di una più forte integrazione politica e di una svolta federale per dotare la zona Euro e l’Europa intera degli strumenti necessari a superare la crisi a vantaggio di tutti i cittadini europei, soprattutto dei nuovi arrivati.»

Anche i Giovani Federalisti Europei prendono parte a questo passo in avanti dell’integrazione europea. Infatti per quest’occasione un gruppo di giovani croati, francesi e tedeschi sta viaggiando per visitare diverse scuole a Parigi, Stoccarda e Zagabria. Le sezioni federaliste danno il benvenuto alla nuova generazione di giovani croati e intendono rafforzare le relazioni esistenti tra i loro Paesi.

Non dobbiamo altresì dimenticare che una parte della Croazia è già da lungo tempo membro dell’Unione europea: i croati che vivono nell’Unione europea, in Germania, Francia, Italia e negli altri Stati hanno dato un forte contributo allo sviluppo economico e culturale dei nostri Paesi. Abbiamo voluto ricordarlo e ringraziarli!

Tanti auguri, sve najbolje!

Ti è piaciuto questo articolo?

P.S.

Fonte immagine Wikipedia

Rispondere all'articolo

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento
  • Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom