Pagina principale > Attualità > La Convenzione dei cittadini europei

Il rilancio del processo costituente

La Convenzione dei cittadini europei

, di Federico Brunelli

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

La Convenzione dei cittadini europei, svoltasi a Genova il 3 e 4 dicembre, è stato uno dei più importanti eventi federalisti degli ultimi anni.

autori

Parole chiave

L’idea di una convenzione di cittadini era stata lanciata dai federalisti prima dei referendum francese e olandese, quando veniva dato per certo che la Costituzione europea sarebbe entrata in vigore. La Convenzione sarebbe servita a proporre gli emendamenti necessari a rendere questa Costituzione una Costituzione federale, e cioè l’abolizione del diritto di veto su tutte le competenze dell’Unione europea e sulla procedura di revisione costituzionale, e la trasformazione della Commissione in un Governo federale europeo.

Dopo i due NO nei referendum l’UE ha attraversato un periodo di seria crisi e lo stesso processo costituente ha corso il rischio di bloccarsi. Per alcuni mesi solo i federalisti e pochi altri hanno mantenuto fermamente la loro posizione e sono riusciti infine ad indicare la via per rilanciare l’idea di una Costituzione per l’Europa come passo fondamentale verso la Federazione europea.

In un clima di generale euro-scetticismo, peggiorato dagli aspri contrasti nel dibattito sulle prospettive finanziarie per gli anni 2007-2013, i federalisti hanno avuto la lucidità di rendere la Convenzione dei cittadini di Genova il primo grande evento mirato a salvare la Costituzione, riunendo persone, politici, rappresentanti di diverse organizzazioni della società civile che hanno rivendicato insieme un’Europa federale e democratica.

Sono stati inoltre discussi importanti temi dell’agenda politica all’interno di tre gruppi di lavoro: il ruolo dell’Europa nel mondo, il modello economico e sociale europeo, la cittadinanza europea. Il dibattito nei gruppi e in plenaria ha portato all’elaborazione di un Manifesto europeo , che è una sintesi delle richieste della società civile e delle proposte dei federalisti per rilanciare il processo costituente. E’ un notevole successo che testimonia come le idee dei federalisti stanno passando tra le associazioni e I forum della società civile.

Molti membri della JEF hanno preso parte alla Convenzione partecipando al dibattito e organizzando una vivace manifestazione nelle strade per chiedere il rilancio del processo costituente.

...il Parlamento europeo è un’istituzione federale che storicamente ha sempre spinto per una maggiore integrazione dell’Unione europea

La presenza alla Convenzione di alcuni Parlamentari europei è un altro punto degno di nota: il Parlamento europeo è un’istituzione federale che storicamente ha sempre spinto per una maggiore integrazione dell’Unione europea. Il nostro ruolo è di creare dei contatti tra i nostri rappresentanti europei e I cittadini europei e le loro reti, che sono in molti casi vagamente europeisti ma hanno bisogno di essere guidati da un’avanguardia di persone consapevoli che la nuova linea di divisione tra progresso e reazione è quella descritta nel Manifesto di Ventotene. Il nostro compito è creare un fronte di persone e di organizzazioni che rivendichino un’Europa democratica e federale. Il Parlamento europeo non è insensibile alle richieste dei cittadini e noi dobbiamo spingerlo a prendere iniziative coraggiose.

Accolgo con favore alcuni passi sulla strada giusta, come la bocciatura, sebbene non definitiva, del bilancio europeo approvato dai Governi europei per gli anni 2007-2013, motivato dal fatto che esso darebbe molti meno fondi all’UE di quelli richiesti dal Parlamento europeo, e come l’approvazione del piano Duff - Voggenhuber, sebbene due punti chiave inseriti nel testo iniziale, vale a dire la proposta di una nuova Convenzione e di un referendum europeo nel 2009, siano stati tolti dalla versione finale. Se il Parlamento europeo sente l’appoggio dei cittadini diventerà un alleato dei federalisti, come già è stato in passato.

Altre Convenzioni sono previste per i prossimi mesi a Vienna e Parigi. Lavoriamo affinché siano un successo: il nostro fine è ottenere un referendum consultivo europeo sulla Costituzione, sia essa l’attuale o un testo modificato, in occasione delle elezioni europee del 2009.

Ti è piaciuto questo articolo?

P.S.

Fonte immagine Convenzione dei cittadini

Rispondere all'articolo

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento
  • Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom