Se Settant’anni vi sembrano pochi

, di Paolo Acunzo

Se Settant'anni vi sembrano pochi

Il 28 agosto 1943 durante un convegno clandestino svoltosi in una Milano occupata venne fondato il Movimento Federalista Europeo (MFE) [1].

Da allora le attività del Movimento si sono sviluppate con continuità, benché con alterni successi. Dalla partecipazione del MFE alla lotta partigiana (in cui morirono federalisti come Colorni, Ginzburg e Jervis) alla creazione di una rete europea della resistenza al nazifascismo. Dall’adesione al CLN nell’immediato dopoguerra, alla campagna per l’approvazione della CED e della Comunità Politica Europea. Così via fino ad arrivare ad oggi, con numerose mobilitazioni che hanno segnato lo sviluppo del processo d’integrazione europea e domani la creazione degli Stati Uniti d’Europa.

A dire il vero questa lunga e continua attività nasce già nel 1941 durante il confino antifascista nell’isola di Ventotene di Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, autori del “Manifesto per un’Europa libera e unita”, base ideale ed ispiratrice del MFE ancora oggi.

Vorrà dire qualcosa se dopo 70 anni dalla sua fondazione il MFE è l’organizzazione politica più antica ancora esistente nella sua forma originaria in Italia. Tanto più se si tiene conto che è un movimento che vive solo grazie all’attività volontaria dei suoi militanti, non usufruendo di alcun tipo di finanziamento pubblico, in quanto essendo per sua natura un movimento politico apartitico non presenta alcuna sua lista alle elezioni. Ciononostante ancora oggi ha migliaia di iscritti, poco meno di un centinaio di sezioni distribuite in quasi tutte le regioni d’Italia ed è una delle colonne portanti delle equivalenti organizzazioni federaliste a livello europeo (UEF) e mondiale (WFM).

Ma allora quale è il segreto di questa longevità? Semplicemente la forza delle idee che storicamente porta avanti (essenzialmente, la lotta per la Federazione europea al fine di costruire una nuova forma di democrazia sovranazionale al cui centro vi siano i cittadini e non più i governi nazionali) che invece di invecchiare con il passar del tempo, divengono sempre più attuali.

Perché come diceva Victor Hugo “Non c’è nulla di più potente di una idea di cui sia giunto il suo momento”.

1. Fonte dell?immagine Wikipedia

Note

[1“La diffusione negli ambienti della Resistenza delle tesi del Manifesto, che avvenne anche tramite il periodico clandestino «L’Unità Europea», portò alla fondazione formale del MFE nel corso di un convegno clandestino svoltosi nella casa di Mario Alberto Rollier il 27-28 agosto 1943 a Milano. Alla riunione parteciparono 31 persone: Arialdo Banfi, Giangio Banfi, Ludovico Belgioioso, Giorgio Braccialarghe, Arturo Buleghin, Lisli Carini Basso, Vindice Cavallera, Eugenio Colorni, Ugo Cristofoletti, Alberto Damiani, Vittorio Foa, Giovanni Gallo Granchielli, don Ernesto Gilardi, Leone Ginzburg, Enrico Giussani, Ursula Hirschman, Willy Jervis, Elena Moncalvi Banfi, Guido Morpurgo Tagliabue, Alberto Mortara, Bruno Quarti, Dino Roberto, Mario Alberto Rollier, Ada Rossi, Ernesto Rossi, Manlio Rossi Doria, Altiero Spinelli, Fiorella Spinelli, Gigliola Spinelli, Franco Venturi, Luisa Villani Usellini. Mancarono all’appuntamento Guglielmo Usellini e Cerilo Spinelli perché erano stati arrestati tra la fine di luglio e l’inizio di agosto mentre distribuivano un volantino federalista contenente l’appello a prepararsi alla guerra contro i nazisti.” (dal saggio di Sergio Pistone “70 anni di vita del Movimento Federalista Europeo. 1943-2013”)

Tuoi commenti

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento

Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom