Punto di svolta nelle relazioni UE-Iran

, par Davide Zurlo

Toutes les versions de cet article : [English] [italiano]

Punto di svolta nelle relazioni UE-Iran
Teheran, Iran. Photo : Ninara // Flickr (CC BY 2.0)

Per la prima volta dal 2015, l’Unione europea ha deciso di imporre sanzioni all’Iran. Più precisamente, l’UE ha accettato di registrare nella sua lista nera un vice ministro dell’intelligence iraniana, Ettela’at, e due membri di quest’ultima. Questa misura comporta il blocco delle attività e il divieto di viaggiare. La sanzione arriva come una rappresaglia per i due attacchi falliti dello scorso anno in Francia e Danimarca, i quali erano stati pianificati per colpire membri dell’opposizione del regime iraniano. Non solo, il governo olandese è convinto che Teheran sia anche dietro a due omicidi avvenuti nei Paesi Bassi nel 2015 e nel 2017, omicidi che hanno colpito oppositori del regime iraniano.

Questa decisione ha fatto infuriare il governo iraniano : in una dichiarazione su Twitter, il ministero degli Esteri iraniano ha accusato la Francia, la Danimarca e i Paesi Bassi di sostenere il MEK, l’organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano. Secondo il ministero iraniano, il MEK è responsabile della morte di 12.000 iraniani e ha contribuito ai crimini di guerra di Saddam Hussein contro i kurdi-iracheni. Fu proprio durante una riunione del MEK che l’attacco a Parigi fu sventato, dove un uomo e una donna di origine iraniana furono trovati in possesso di 500 grammi di esplosivo.

Il leader della Repubblica islamica dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha parlato con alcuni residenti di Qom che si sono recati a Teheran e ha affermato che "le sanzioni porranno pressione sul paese e sul popolo". Ha inoltre aggiunto che "le persone e le autorità possono rendere queste sanzioni al cento per cento a beneficio della nazione". Funzionari iraniani hanno risposto che l’Iran sta rivedendo la sua "cooperazione in materia di informazione, sicurezza e applicazione della legge con i paesi europei".

La presenza dell’Iran nello scenario Mediorientale

By virtue of its richness in raw materials, Iran is a country that has the potential to grow rapidly in terms of geopolitical and economic influence. In fact, according to a recent study by BP, Iran is the world’s richest country in natural gas reserves (followed by Russia and Qatar), and the fourth in crude oil reserves, in addition to which it has low production costs, which is not an insignificant fact in a context of the diminishing price of crude oil. [1]

In virtù della sua ricchezza di materie prime, l’Iran è un paese che ha il potenziale per crescere rapidamente in termini di influenza geopolitica ed economica. Infatti, secondo un recente studio della BP, l’Iran è il paese più ricco del mondo nelle riserve di gas naturale (seguito da Russia e Qatar) e il quarto nelle riserve di petrolio grezzo. Oltre a ciò, ha bassi costi di produzione, un fatto che non è insignificante in un contesto del prezzo in diminuzione del petrolio greggio. [2]

Inoltre l’Iran ha importanti relazioni economiche con paesi europei come la Germania e l’Italia. Ad esempio, Eni ha firmato un Memorandum of Understanding con la National Iranian Oil Company (Nioc) per lo svolgimento di studi di fattibilità nel Darquain e nei campi di Kish in Iran. Il giacimento petrolifero di Darquain è ben noto a Eni - si trova tra le città di Khorramshahr e Ahvaz, nella provincia sud-occidentale del Khuzestan, dove Eni lavora da anni. Si stima che le riserve del giacimento siano circa 5 miliardi di barili, di cui un quinto è estraibile. Attualmente Darquain produce circa 160.000 barili al giorno e si prevede che la capacità produttiva giornaliera aumenterà di 50.000 barili. [3]

Oltre a ciò, l’Iran è presente nella maggior parte delle situazioni di tensione nell’area e si comporta come una potenza regionale che mira ad espandere la sua influenza nei paesi limitrofi : ecco perché la sua crescente importanza geopolitica e militare preoccupa i suoi rivali Egitto, Arabia Saudita e Israele. In effetti, l’Iran ha un esercito di quasi un milione di unità attive che opera nel nord dell’Iraq e in Siria. Inoltre, anche in Libano, Hezbollah ha forti legami con il regime iraniano, per non parlare del conflitto in corso nello Yemen in cui l’Iran svolge un ruolo importante.

I legami religiosi costituiscono un importante canale attraverso il quale la diplomazia iraniana esercita un’influenza sul suo vicinato : gli sforzi diplomatici iraniani sono inoltre rafforzati e integrati evidenziando i legami storici e quelli etnici. A questo proposito, l’attuale ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha sottolineato che l’Iran è alla ricerca di prestigio e riconoscimento internazionale. L’Iran è consapevole del proprio passato, del suo ruolo nella storia, e forse trova problematico accettare il fatto di essere un attore debole il cui comportamento politico è soggetto alle azioni di poteri esterni.

La diplomazia europea tra l’incudine e il martello

A fronte praecipitium, a tergo lupi : un precipizio davanti, i lupi dietro, come dicevano i romani. Mentre in Egitto, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che le sanzioni contro l’Iran si intensificheranno, l’UE rimane come un vaso di coccio tra vasi di ferro. Mettere in discussione la posizione dell’UE con l’Iran comporta far luce sulla misura in cui l’UE è un attore politico globale a pieno titolo capace di parlare con una sola voce. Poiché la sicurezza è una preoccupazione di primaria importanza per ogni paese, la diplomazia europea non dovrebbe astenersi dal costruire un dialogo in cui le preoccupazioni di sicurezza dell’Iran sono tenute in considerazione accanto agli interessi economici europei.

Vale la pena ricordare che la revoca delle sanzioni in linea con il piano d’azione globale congiunto (JCPOA) ha facilitato le relazioni commerciali e economiche nella misura in cui solo nel 2016 - il primo anno fiscale successivo all’attuazione di JCPOA - le importazioni dell’UE dall’Iran hanno raggiunto € 5,5 miliardi, con un incremento del 344,8%, mentre le esportazioni dell’UE ammontano a 8,2 miliardi di euro, con un aumento del 27,8%. L’anno successivo le importazioni dall’Iran dall’UE sono andate oltre i 10,1 miliardi di euro e le esportazioni verso l’Iran hanno raggiunto un picco di 10,8 miliardi di euro. [3]. La diplomazia può essere complessa, multiforme e controversa. In ogni caso, l’UE deve trovare un delicato equilibrio tra solidarietà atlantica e dispiegamento di una politica estera autonoma in grado di mediare con paesi come l’Iran.

Notes

[1Andrea Lupi & Pierluigi Morena, “Petrolio, per l’italia la fine dell’embargo è un buon affare”, 26/06/2017 https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/29/petrolio-per-litalia-la-fine-dellembargo-con-liran-e-un-buon-affare/3695079/.

[2Ministero deggli Affari Esteri et della Cooperazione Internazionale, “Iran : Eni firma MoU per realizzazione studi di fattibilità su giacimenti di Darquain e Kish”, 26/06/2017, https://www.esteri.it/mae/en/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/2017/06/iran-eni-firma-mou-per-realizzazione.html

Vos commentaires

modération a priori

Attention, votre message n’apparaîtra qu’après avoir été relu et approuvé.

Qui êtes-vous ?

Pour afficher votre trombine avec votre message, enregistrez-la d’abord sur gravatar.com (gratuit et indolore) et n’oubliez pas d’indiquer votre adresse e-mail ici.

Ajoutez votre commentaire ici

Ce champ accepte les raccourcis SPIP {{gras}} {italique} -*liste [texte->url] <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom