Pagina principale > Attualità > Proposte tedesche per l’integrazione europea

Proposte tedesche per l’integrazione europea

, di Giulia Spiaggi

La necessità di una riforma istituzionale e di un nuovo trattato per salvare l’euro e rafforzare politicamente ed economicamente l’Eurozona è ormai all’ordine del giorno nell’Unione europea. Ma istituzioni europee, governi nazionali e partiti hanno opinioni diverse sia riguardo all’ampiezza di tali riforme sia riguardo al metodo e agli strumenti con i quali realizzarle.

autori

Parole chiave

In questo contesto, la Germania, per il suo ruolo di leadership economica e politica nel processo in corso, rimane il quadro da seguire con la massima attenzione. Qui il dibattito è aperto, come dimostra anche il congresso della CDU appena conclusosi; e uno dei punti su cui sembrano convergere i politici di ogni corrente è la richiesta di una nuova convenzione europea per superare la crisi. La convenzione dovrebbe essere composta da rappresentanti dei parlamenti nazionali, dei governi, del Parlamento europeo e della Commissione, e dovrebbe avere l’incarico di riformare gli attuali trattati nel più breve tempo possibile. Infatti in Germania molti sono consapevoli che la crisi dell’euro potrebbe presto diventare crisi dell’Unione europea e che quindi dei passi istituzionali sono assolutamente necessari. Anche la Cancelliera Angela Merkel, proprio intervenendo al congresso della CDU in questi giorni, ha voluto lanciare un monito al paese e sferzare il suo stesso partito, sostenendo, con una chiarezza per lei non usuale quando si parla di Europa, che il compito dell’attuale generazione di politici è quello di completare l’Unione economica e monetaria e di creare, passo dopo passo, l’unione politica.

Recentemente, anche il ministro degli Esteri Guido Westerwelle leader del partito alleato FDP, in un editoriale apparso sul giornale Tagesspiegel, ha voluto sottolineare che è necessario rafforzare le regole di stabilità riferendosi al debito dell’eurozona. E i Verdi hanno dedicato una mozione all’Europa nel loro congresso nazionale: il leader Cem Özdemir sostiene che sia necessario un nuovo trattato tra Bruxelles e i suoi cittadini e che occorra discutere le riforme necessarie per mettere in moto il processo democratico. Martin Schulz, leader del gruppo socialdemocratico tedesco al Parlamento europeo, ha preso una posizione simile. Westerwelle e il segretario generale della CDU Hermann Gröhe ritengono che le proposte di revisione potrebbero essere pronte per l’approvazione entro un anno.

Finora le proposte più concrete sono state avanzate dalla CDU e Westerwelle condivide alcune delle loro idee. La CDU suggerisce innanzitutto un rafforzamento del controllo da parte dell’Unione sui bilanci degli Stati membri, ed in particolare: il diritto di portare le violazioni al Patto di stabilità e crescita davanti alla Corte di giustizia europea; l’adozione di sanzioni più severe contro i paesi che violano ripetutamente i limiti imposti alla crescita del debito, che vanno dal togliere loro il diritto di voto nel Consiglio fino alla assegnazione ad un commissario UE della tutela di questi paesi per quanto riguarda le politiche di austerità, arrivando a prevedere, nel caso di un processo di ristrutturazione per i paesi con gravi problemi del debito, nell’eventualità che un paese rischi di diventare insolvente, che il commissario per l’austerità abbia il diritto di intervenire nella politica finanziaria del paese; infine sono a favore anche di una “exit clause”, che “faciliti” l’uscita dall’Eurozona dei paesi che non riescono a rispettarne le regole, modificando i trattati in modo da stabilire che l’uscita dalla moneta unica non implica (come avviene invece al momento) l’uscita dall’UE in quanto tale.

L’accento è quindi, ancora una volta, posto soprattutto sulla necessità di rispettare i parametri prefissati nel Patto di stabilità come conditio sine qua non per rimanere nell’euro. Tant’è che, sul piano istituzionale, per dare all’Unione maggiori capacità di azione in quelle aree in cui le decisioni del Consiglio dei ministri richiedono ora l’unanimità, la CDU sembra ritenere che la maggioranza qualificata possa essere sufficiente. Le proposte più avanzate riguardano invece la possibilità di riservare, all’interno del Parlamento europeo, alcune competenze, relative specificamente all’Eurozona, ai soli parlamentari dei paesi di quest’area e l’accenno comparso in alcuni casi alla eventuale trasformazione del Meccanismo europeo di stabilità (ESM) in una sorta di Fondo monetario europeo. I Verdi sembrano invece più attenti alla questione politica della legittimità democratica e chiedono un’unione fiscale ed economica, nonché politiche più in linea con le esigenze e la volontà dei cittadini. Ma per raggiungere questi obbiettivi il partito propone una serie di misure che includono la trasformazione della Commissione europea in un governo economico controllato dal Parlamento europeo e l’idea di combinare in un unica figura le funzioni di presidente della Commissione europea e del Consiglio europeo, facendolo eleggere direttamente dai cittadini dell’UE in occasione delle elezioni del PE.

Quest’ultima è un’idea approvata con entusiasmo anche dal congresso della CDU nei giorni scorsi, ma nessuno sembra notare, per ora, la contraddizione tra questa proposta e l’esigenza di rafforzare in modo specifico il governo dell’Eurozona, che implica innanzitutto la necessità di trovare le formule istituzionali per uscire dalla logica comunitaria a ventisette, che fa il gioco della Gran Bretagna e degli euroscettici, e costruire concretamente un nucleo federale a partire dall’Eurozona all’interno della più vasta Unione.

Il problema ulteriore, inoltre, è che non tutti all’interno della coalizione di governo tedesca sono d’accordo all’idea di emendare rapidamente i trattati. Il partito alleato della CDU in Baviera, l’Unione cristiano sociale, non è favorevole all’idea di un rafforzamento dell’Unione e alcuni membri del FDP presentano posizioni euroscettiche. Il cancelliere Merkel e il Presidente Sarkozy sembrano consapevoli che, data la gravità della crisi e i tempi del processo di ratifica, il meccanismo di revisione deve essere messo in moto al più presto. Le proposte avanzate però sono ondivaghe, e tendono sia a ritornare sempre nell’attuale quadro a ventisette, sia a mantenere un’impostazione puramente intergovernativa, posizioni, entrambe, che ne impediscono l’attuazione.

Ad esempio il Primo Ministro inglese David Cameron ha recentemente chiarito che per la Gran Bretagna non sono in programma emendamenti ai trattati; e se in un lontano futuro tali cambiamenti dovessero essere presi in considerazione, essi dovranno innanzitutto prevedere la diminuzione di poteri di Bruxelles e non l’affidamento all’Unione di maggiori competenze. Il ministro degli Esteri austriaco Michael Spindelegger, d’altro canto, recentemente ha detto che non può accettare una situazione in cui Germania e Francia trovano un accordo e si aspettano che gli altri seguano i loro passi. Anche il Primo Ministro irlandese Enda Kenny rifiuta una simile idea.

Per questo motivo la Germania per prima, insieme alla Francia, per uscire dall’impasse dovrebbe fare una proposta concreta che preveda un rafforzamento politico dell’integrazione in senso federale rivolto ai paesi dell’Eurozona che condividono gli stessi problemi: infatti, solo dandosi istituzioni federali l’Europa potrà affrontare le cause profonde della crisi. Questo primo nucleo di federazione, che dovrebbe essere aperto a quanti vogliano in seguito aderirvi, permetterebbe sia di conservare le istituzioni dell’Unione per i paesi come l’Inghilterra o l’Irlanda che non vogliono andare oltre l’attuale acquis communautaire, ma al tempo stesso impedirebbe loro di bloccare il processo di integrazione per il resto dell’Europa.

Prima che sia troppo tardi.

Ti è piaciuto questo articolo?

P.S.

Immagine: Berlino

Tuoi commenti

Rispondere all'articolo

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento
  • Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom